Figli della Divina Provvidenza (FDP)

A  B  C  D  E  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  Z

ordine alfabetico per Cognome

 

 Necrologio Figli della Divina Provvidenza (ricordati nel giorno anniversario)  

  

 

A (40)

 

1.      Abalos Americo Miguel

2.      Acevedo Juan

3.      Achramiej Piotr

4.      Acquaotta Serafino fra Umile

5.      Adaglio Giuseppe

6.      Adobati Egidio

7.      Aggio Angelo

8.      Agostini Fioravante

9.      Agustin Esteban

10.  Albera Paolo

11.  Albergucci Roberto

12.  Albertazzi Dalmazio

13.  Alexandre Geraldo Pedro

14.  Alferano Carlo

15.  Alice Andrea Giuseppe

16.  Aliprandi Eugenio

17.  Allione Vincenzo

18.  Alonzo Tomas

19.  Alpeggiani Luigi

20.  Álvarez Martìnez Miguel

21.  Alves Camilo Josè

22.  Alvigini Giambattista

23.  Ambrus Juan

24.  Ancelliero Giorgio

25.  Andrada Dante Luis

26.  Andreani Pietro

27.  Andreos Mansueto

28.  Andretta Marco

29.  Andriollo Giovanni

30.  Andrysiewicz Vincenzo

31.  Antonello Fedele

32.  Antoniewicz Stanislaw

33.  Anzolin Benedetto

34.  Argenti Giuseppe

35.  Arlotti Francesco

36.  Arrue Peiro Antonio

37.  Aureli Giuseppe

38.  Azzalin Mario

39.  Azzaro Giuseppe

40.  Azzoli Paolo

 

Carissimi Figli della Divina Provvidenza e Piccole Suore Missionarie della Carità

Il nostro padre Fondatore, San Luigi Orione, aveva una grande senso della comunione con i fratelli defunti. “Riguardo ai nostri Confratelli defunti dobbiamo pregare molto perché essi furono i pionieri della  Congregazione; furono essi che diedero la vita col loro sacrificio, affinché quest’Opera avesse fondamenta salde. Specialmente dobbiamo pregare per gli ultimi nostri morti”.

E’ questa comunione spirituale e reale con i defunti a motivare il nostro impegno nel ricordo e nella preghiera. “Sono uniti a noi dai vincoli della fedeltà alla Congregazione, i nostri fratelli, figli della stessa famiglia religiosa, che ci appartengono per i vincoli dello spirito, per vocazione”.

Per questo, stabilì che fossero “ricordati nelle preghiere della Congregazione di ogni giorno e nei suffragi che la Congregazione fa ogni anno, quando si raccoglie per gli Esercizi Spirituali”.

Anche alle Piccole Suore Missionarie della Carità disse: “Nelle vostre piccole regole, che adesso riceverete, vi è un capitolo, che parla dei suffragi e vedrete che la nostra Congregazione è una delle Congregazioni in cui si prega di più per i defunti”.

Per facilitare questo compito quotidiano di affetto e di preghiera, da molti anni si pubblica il Necrologio. Avete  tra le mani la nuova edizione, aggiornata al 1 giugno 2006.

È un volume familiare, non solo perché di anno in anno viene aggiornato, ma soprattutto perché i nomi che ogni giorno ricordiamo nella preghiera ci sono noti e richiamano volti a noi familiari, storie di bene, affetti e forse anche nostalgia.

Il volumetto presenta due novità rispetto alle edizioni precedenti. L’ordine dell’elenco giornaliero dei defunti procede secondo la priorità della data di morte. Così, il ricordo dei nostri defunti fa rivivere la storia percorsa dalla nostra famiglia religiosa.

La seconda novità è l’aver raccolto in un unico volume l’elenco sia dei Figli della Divina Provvidenza come delle Piccole Suore Missionarie della Carità

Molte sono le ragioni del Necrologio unificato. Siamo figli e figlie dello stesso Padre, abbiamo ricevuto da Lui lo stesso spirito e siamo  parte di un’unica grande Famiglia chiamata a vivere e testimoniare lo stesso carisma di vita. E’ bene che il comune patrimonio che condividiamo in vita sia espresso anche nel comune ricordo di chi ci ha preceduti nella fedeltà orionina.

La condivisione di un Necrologio comune è stata decisa dai Consigli generali delle due Congregazioni religiose che hanno voluto sottolineare con questa scelta la continuità e la comunione della nostra storia passata affinché essa sia sprone e impegno di continuità e di comunione nel futuro.  

Il Necrologio è da considerarsi un libro “liturgico”, una integrazione alla lode che da noi sale a Dio, mirabile nei suoi santi e in quanti l’hanno servito più da vicino nell’imitazione di Cristo mediante la professione dei consigli evangelici. Pertanto la lettura e la preghiera sia stabilita in orario conveniente della giornata e in contesto di preghiera della comunità.

Come potete notare, il Necrologio è diventato piuttosto voluminoso: le nostre due Congregazioni hanno ormai in Paradiso un gran numero di fratelli e di sorelle che, dopo aver lavorato per la Chiesa, sono stati chiamati a ricevete il premio delle loro fatiche. Sono sacerdoti e suore, fratelli ed eremiti, sacramentine e qualche laico: appartengono alla stessa famiglia che ha per Madre - come ci ha detto don Orione nella sua ultima Buona notte - Maria, la Chiesa e la Piccola Opera. Questo è il nostro vanto, in vita e in morte.                                            

Don Flavio Peloso  (Superiore generale)

Suor Maria Irene Bizzotto  (Madre generale)