Casella di testo: 17  gennaio                       Metodi per diventare santi
Casella di testo: posta@unangelo.it

Don Cosimo M. Luciano

 

           Nacque a Napoli-Secondigliano il 21 settembre del 1917. 

           Ordinato sacerdote il 28 giugno 1942, in pieno clima di guerra, manifestò la sua passione per i fanciulli poveri ed abbandonati, istituendo la prima «Scuola popolare parrocchiale» in Secondigliano.

           Vicino alle truppe tedesche e quelle alleate, diede vita all'«Opera Nazareth per i figli del popolo» con un pronto soccorso e con la possibilità di usufruire quotidianamente di cibo e vestiti.

           Con sacrifici personali e familiari volle costruire la nuova chiesa «S. Maria della Natività», di cui divenne il primo parroco.

           Appartenne all'Istituto Secolare dei Sacerdoti del Sacro Cuore.
             La sua sensibilità pastorale per i più deboli gli suggerì di avviare accanto all'Opera Nazareth anche gli istituti: «Infanzia Felice» e «Gesù Redentore».
             La sua ansia missionaria ispirò la fondazione dell'Istituto delle Missionarie Laiche di Maria Corredentrice.

           Don Cosimo spirò improvvisamente nella canonica della parrocchia il 17 gennaio 1991, dopo aver trascorso una notte di preghiera per implorare la pace nel Golfo Persico, lasciando sgomento e costernazione in tutto il popoloso quartiere di Secondigliano, nel cui cimitero sono custodite le spoglie.