Casella di testo: 17  gennaio                       Metodi per diventare santi
Casella di testo: posta@unangelo.it

S. Antonio Abate

S. Antonio abate, di origine egiziana, vissuto fra il 250 ed il 356, si ritirò nel deserto della Tebaide, dando origine al monachesimo di tipo orientale.

Nel 335 combattè l'eresia ariana che si era diffusa in Alessandria d'Egitto.

L'iconografia rappresenta il santo con il bastone tipico degli eremiti, con un maiale ai piedi, a simboleggiare il demonio e le sue tentazioni vinte dal santo, un campanello e la fiamma.

A causa del simbolo del maiale, S. Antonio divenne in breve il protettore degli animali domestici, mentre la fiamma ricorda la sua capacità di guaritore di una malattia della pelle detta "fuoco di S. Antonio".


Nel 561 le reliquie del santo furono portate ad Alessandria ed in seguito a Costantinopoli e poi in Francia dove, nell'XI secolo, il santo venne venerato come un potente taumaturgo contro la peste che in quegli anni mieteva vittime in Europa.

Immagine di S.Antonio Abate, venerata a Fara Filiorum Petri (CH), durante la processione nella serata in cui si accendono le “farchie” .

S. Messa

SANT`ANTONIO, abate - 17 GENNAIO

 

Insigne padre del monachesimo, nacque circa l'anno 250.Dopo la morte dei genitori distribuì i suoi averi ai poveri, si ritirò nel deserto e lì cominciò la sua vita di penitente. Ebbe molti discepoli e molto lavorò per la Chiesa, sostenendo i martiri nella persecuzione di Diocleziano e aiutando sant'Atanasio nella lotta contro gli Ariani. Morì nell'anno 356.

 

 Ingresso. Il giusto fiorirà come palma,

crescerà come cedro del Libano,

piantato nella casa del Signore,

negli altri del nostro Dio.

 

Colletta. O Dio, che hai ispirato a sant'Antonio abate di ritirarsi nel deserto, per servirti in un nuovo modello di vita cristiana, concedi anche per noi per sua intercessione di superare i nostri egoismi per amare te sopra ogni cosa. Per il nostro Signore...

 

I Lettura Mic 6, 6-8  Con che cosa mi presenterò al Signore, mi prostrerò al Dio altissimo? Mi presenterò a lui con olocausti, con vitelli di un anno? Gradirà il Signore le migliaia di montoni e torrenti di olio a miriadi? Gli offrirò forse il mio primogenito per la mia colpa, il frutto delle mie viscere per il mio peccato?

Uomo, ti è stato insegnato ciò che è buono e ciò che richiede il Signore da te: praticare la giustizia, amare la pietà, camminare umilmente con il tuo Dio.

 

Salmo Sal 15

Sei tu, Signore, l'unico mio bene.

 

Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.

Ho detto a Dio: << Sei tu il mio Signore,

senza di te non ho alcun bene >>.

Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:

nelle tue mani è la mia vita.

 

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;

anche di notte il mio cuore mi istruisce.

Io pongo sempre innanzi a me il Signore,

sta alla mia destra, non posso vacillare.

 

Mi indicherai il sentiero della vita,

gioia piena nella tua presenza,

dolcezza senza fine alla tua destra.

 

 

Canto al Vangelo Alleluia, alleluia.

 

Se vuoi essere perfetto,

dice il Signore,

dona ai poveri quello che possiedi,

poi vieni e seguimi.

 Alleluia.

 

 

Vangelo  Mt 19, 16-21

In quel tempo, un tale si avvicinò a Gesù e gli disse: <<Maestro, che cosa devo fare di buono per ottenere la vita eterna?>>.

Egli rispose: <<Perché mi interroghi su ciò che è buono? Uno solo è buono. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti>>.

Ed egli chiese: <<Quali?>>. Gesù rispose: <<Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, onora il padre e la madre, ama il prossimo tuo come te stesso>>.

Il giovane gli disse: <<Ho sempre osservato tutte queste cose; che mi manca ancora?>>.

Gli disse Gesù: <<Se vuoi essere perfetto, và, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi>>.

 

Sulle Offerte Accetta, Signore, l'offerta del nostro servizio sacerdotale nel ricordo di sant'Antonio abate, e fà che liberi da ogni compromesso con il male diventiamo ricchi di te, unico bene. Per Cristo nostro Signore.

 

Dopo la Comunione O Signore, che hai reso vittorioso sant'Antonio abate nel duro scontro con il potere delle tenebre, concedi anche a noi, per la forza redentrice del tuo sacramento, di riportare vittoria contro le insidie del maligno. Per Cristo nostro Signore.