Casella di testo: 4  dicembre          Metodi per diventare santi
Casella di testo: La missione promette assai bene; ma ho bisogno di santi! Quante volte io ho pensato a voialtri, o cari i miei figli! (San Luigi Orione)

San Giovanni Damasceno

 

Sacerdote

 Dottore della Chiesa

Nacque a Damasco nella seconda metà del secolo VII, da una famiglia di cristiani. Dopo aver ricevuto un'ottima istruzione filosofica, divenne monaco nel monastero di San Saba a Gerusalemme e fu ordinato sacerdote. Scrisse molte opere di dottrina teologica, in particolare contro gli iconoclasti. Morì verso la metà del secolo VIII.

 

Colletta

Signore, che in san Giovanni Damasceno hai dato alla tua Chiesa un insigne maestro della sapienza dei padri, fà che la vera fede, che egli insegnò con gli scritti e con la vita, sia sempre nostra forza e nostra luce. Per il nostro Signore…

 

I Lettura

2 Tm 1, 13-14; 2, 1-3

Carissimo, prendi come modello le sane parole che hai udito da me, con la fede e la carità che sono in Cristo Gesù. Custodisci il buon deposito con l'aiuto dello Spirito santo che abita in noi.

Tu dunque, figlio mio, attingi sempre forza nella grazia che è in Cristo Gesù e le cose che hai udito da me in presenza di molti testimoni, trasmettile a persone fidate, le quali siano in grado di ammaestrare a loro volta anche altri. Insieme con me prendi anche tu la tua parte di sofferenze, come un buon soldato di Cristo Gesù.

 

Salmo  36

 

Risplende nei giusti la sapienza del Signore.

 

Confida nel Signore e fà il bene,

abita la terra e vivi con fede.

Cerca la gioia del Signore,

esaudirà i desideri del tuo cuore.

 

Manifesta al Signore la tua via,

confida in lui: compirà la sua opera;

farà brillare come luce la tua giustizia,

come il meriggio il tuo diritto.

 

La bocca del giusto proclama la sapienza

e la sua lingua esprime la giustizia;

la legge del suo Dio è nel suo cuore,

i suoi passi non vacilleranno.

 

Canto al Vangelo

 

Alleluia, alleluia.

Io sono la vite, voi i tralci, dice il Signore;

chi rimane in me porta molto frutto.

Alleluia.

 

Vangelo

 

Lc 6, 43-45

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: <<Non c'è albero buono che faccia frutti cattivi, né albero cattivo che faccia frutti buoni. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dalle spine, né si vendemmia uva da un rovo.

L'uomo buono trae fuori il bene dal buon tesoro del suo cuore; l'uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male, perché la bocca parla dalla pienezza del cuore>>.

Casella di testo: Articolo di Giuseppe Volponi su 
“Don Orione Oggi”, dicembre 2010