Casella di testo: 14   dicembre     metodi per diventare santi
Casella di testo: La prima preoccupazione di un monaco deve essere, giorno e notte, di non ferire o affliggere i suoi confratelli (San Nimatullah)

Giovanni (Nato a Fontiveros, in Spagna, nel 1542 e morto ad Ubeda il 14 dicembre 1591). E' tra i grandi maestri e testimoni dell'esperienza mistica.

Condivise con S. Teresa il progetto di riforma dell'Ordine carmelitano, che attuò e visse con esemplare coerenza.

Sperimentò le più alte illuminazioni mistiche, di cui fu cantore e dottore nelle sue opere.

Venne proclamato Dottore della Chiesa da Pio XI il 24-8-1926.

SAN GIOVANNI DELLA CROCE, sac. e dottore della Chiesa - 14 DICEMBRE

 

Nacque a Fontiveros in Spagna circa l'anno 1542. Dopo qualche tempo trascorso nel Carmelo, nel 1568, persuaso da santa Teresa d'Avila, abbracciò per primo tra i frati la riforma dell'Ordine e la sostenne con fatiche e sofferenze innumerevoli. Morì nel 1591 a Ubeda, eminente per santità e sapienza, di cui rendono testimonianza i suoi scritti spirituali.

 

Ingresso

Non ci sia per me altra gloria

che nella croce di nostro Signore Gesù Cristo:

per mezzo suo il mondo è stato crocifisso per me,

e io sono per il mondo.

 

Colletta

O Dio, che hai guidato san Giovanni della Croce alla santa montagna che è Cristo, attraverso la notte oscura della rinuncia e l'amore ardente della croce, concedi a noi di seguirlo come maestro di vita spirituale, per giungere alla contemplazione della tua gloria. Per il nostro Signore...

 

I Lettura   1 Cor 2, 1-10

Fratelli, quando sono venuto tra voi, non mi sono presentato ad annunziarvi la testimonianza di Dio con sublimità di parola o di sapienza. Io ritenni infatti di non sapere altro in mezzo a voi se non Gesù Cristo, e questi crocifisso.

Io venni in mezzo a voi in debolezza e con molto timore e trepidazione; e la mia parola e il mio messaggio non si basarono su discorsi persuasivi di sapienza, ma sulla manifestazione dello Spirito e della sua potenza, perché la vostra fede non fosse fondata sulla sapienza umana, ma sulla potenza di Dio.

Tra i perfetti parliamo, sì, di sapienza, ma di una sapienza che non è di questo mondo, né dei dominatori di questo mondo che vengono ridotti al nulla; parliamo di una sapienza divina, misteriosa, che è rimasta nascosta, e che Dio ha preordinato prima dei secoli per la nostra gloria.

Nessuno dei dominatori di questo mondo ha potuto conoscerla; se l'avessero conosciuta, non avrebbero crocifisso il Signore della gloria.

Sta scritto infatti: Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, queste ha preparato Dio per coloro che lo amano.

Ma a noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito.

 

Salmo 15

Sei tu, Signore, l'unico mio bene.

 

Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.

Ho detto a Dio: << Sei tu il mio Signore,

senza di te non ho alcun bene >>.

Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:

nelle tue mani è la mia vita.

 

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;

anche di notte il mio cuore mi istruisce.

Io pongo sempre innanzi a me il Signore,

sta alla mia destra, non posso vacillare.

 

Mi indicherai il sentiero della vita,

gioia piena nella tua presenza,

dolcezza senza fine alla tua destra.

 

Canto al Vangelo

Alleluia, alleluia.

Sono stato crocifisso con Cristo

e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me.

Alleluia.

 

Vangelo  Gv 15, 9-17

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: <<Come il Padre ha amato me, così anch'io ho amato voi. Rimanete nel mio amore.

Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore.

Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici.

Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l'ho fatto conoscere a voi.

Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda.

Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri>>.

 

Sulle Offerte

Accogli, o Padre, le nostre offerte nel ricordo di san Giovanni della Croce,e fà che testimoniamo nella santità della vita la passione di Gesù che celebriamo nel mistero. Per Cristo nostro Signore.

 

Dopo la Comunione

La comunione a questo sacrificio, o Padre, ci doni la sapienza della croce che ha illuminato il tuo sacerdote san Giovanni, perchè aderiamo pienamente a Cristo e collaboriamo, nella Chiesa, alla redenzione del mondo. Per Cristo nostro Signore.

 

 

 

San Giovanni della Croce

Sacerdote e Dottore della Chiesa

1542 -  +14 dicembre 1591

San Giovanni della Croce

 

profilo curato da

Gianni Mangano

Messina, 2009